immagine-top-07-esperti.jpg
Novità dall'EFSA
PDF Stampa E-mail

Dal Sito dell’EFSA
Nel 2010 sono stati pubblicati due studi sui possibili rischi per la salute associati al consumo di dolcificanti artificiali, ovvero uno studio sulla carcinogenicità nei topi esposti all’aspartame mediante alimentazione, condotto dalla Fondazione Europea di Oncologia e Scienze Ambientali "B. Ramazzini" (FER) di Bologna (Soffritti et al., 2010[1]), e uno studio epidemiologico sull’associazione tra assunzione di bevande analcoliche dolcificate artificialmente e accresciuta incidenza di parti prematuri (Halldorsson et al., 2010[2]). In una dichiarazione del febbraio 2011, l’EFSA ha concluso ancora una volta che i due studi non costituiscono motivo per riconsiderare le precedenti valutazioni sulla sicurezza dell’aspartame o di altri dolcificanti attualmente autorizzati nell’Unione europea. La disamina di questi studi da parte dell’EFSA è stata eseguita in collaborazione con l’Agenzia francese per la sicurezza dell’alimentazione, l’ambiente e la salute sul lavoro, Anses[3], che pure sta effettuando studi in campo.


Nonostante i ripetuti attacchi, gli enti più autorevoli del mondo continuato a considerare l’Aspartame come un dolcificante sicuro. Per fugare ogni dubbio, nel maggio del 2011 l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) è stata incaricata dalla Commissione di condurre in anticipo una nuova, completa valutazione della sicurezza dell'aspartame, da consegnare nel 2012. A dimostrazione dell’apertura a nuove valutazioni e dell’attenzione degli enti europei alla salute pubblica.

[1] Soffritti M. et al., Aspartame administered in feed, beginning prenatally through life span, induces cancers of the liver and lung in male Swiss mice, Am. J. Ind. Med. 2010, 53, 1197-1206.

[2] Halldorsson T.I. et al., Intake of artificially sweetened soft drinks and risk of preterm delivery: a prospective cohort study in 59334 Danish pregnant women. Am. J. Clin. Nutr. 2010, 92: 626-633.

[3] Ulteriori informazioni sul lavoro avviato dall’Anses sono reperibili su: http://www.anses.fr/PM910058I0.htm

La parola agli Esperti

La Food and Drug Administration statunitense ha confermato la sicurezza dell’aspartame 26 volte negli ultimi 23 anni.

Il Comitato scientifico dell’alimentazione umana nel 2002 ha condotto un riesame di tutti i dati originali ed anche più recenti sull’aspartame, concludendo che il prodotto è sicuro per il consumo umano.

Medscape Medical News, riporta, nel numero di Settembre 2007, in oltre 100 pagine, la revisione scientifica di oltre 500 studi comprese le ricerche tossicologiche, cliniche ed epidemiologiche risalenti al lavoro pre-clinico nel corso del 1970.

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) conferma la assoluta sicurezza dell’aspartame per i consumatori, compresi i bambini, le donne incinte e che allattano, e pertanto non ritiene che i consumatori che decidono di consumare prodotti contenenti aspartame, debbano cambiare le proprie abitudini alimentari.

 

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.